Cucina turca: viaggio alla scoperta dei suoi piatti tipici

Oggi faremo un viaggio alla scoperta dei piatti della cucina turca. I turchi in origine, erano un popolo di nomadi, ed hanno saputo adattare le proprie ricette ai paesi che l’Impero Ottomano andava conquistando. Di conseguenza la cucina turca è stata influenzata sia dai paesi balcanici, che dai paesi mediorientali che da quelli nord africani.

L’elenco di piatti che si possono mangiare in Turchia è veramente lungo, perché come avrete immaginato, amiamo mangiare, amiamo avere delle belle tavole colorate e ricche di sapori, perché in fondo al nostro cuore, malgrado le frenesie quotidiane, vogliamo trasformare il pasto in un momento di keyf, ossia di totale relax.

Il viaggio alla scoperta della cucina turca è uno spettacolo per gli occhi

Prima di tutto la cucina turca deve piacere agli occhi. Chi di voi non ha già visto, per esempio nelle serie TV turche, delle tavole imbandite di ogni prelibatezza? La cucina turca deve essere ricca, bella e colorita, ed i gusti devono essere intensi e saporiti.

Giochiamo con le verdure, le salse e le carni, per presentare la nostra cucina in modo quasi artistico.

Libro di Ricette I Segreti della Cucina Turca
https://www.ilsalottoturco.com/categoria-prodotto/libro-di-cucina-turca/

Clicca qui per il Libro I Segreti della Cucina Turca

Le zuppe nella cucina turca

In Turchia si inizia il pasto mangiando una zuppa! La mercimek çorbası, la ezogelin o la ayranlı çorbası. Accompagniamo le nostre succulenti zuppe con del pane pide o con una spruzzata di limone sulla zuppa ezogelin. Qui potete trovare le ricette delle zuppe https://www.ilsalottoturco.com/category/ricette-di-cucina-turca/, ma continuiamo il nostro viaggio alla scoperta della cucina turca..

Dopo le zuppe, tocca ai meze (antipasti).

Scopriamo i meze…

Nella categoria dei meze troverete formaggi, fagioli in insalata, insalate di patate, ma anche gli elaborati börek (pasta fillo fritta o al forno, ripiena di formaggio o di tritato). Non può mancare a tavola il cacık (https://www.ilsalottoturco.com/la-ricetta-dello-cacik-meraviglia-culinaria/), che tra i meze è uno dei clou della nostra cucina.

Altra meraviglia della cucina turca sono i dolma! Che possono essere costituiti da foglie di vite ripieni, solitamente ripiene di riso e carne tritata, oppure peperoni ripieni, o ancora foglie di cavolo ripieni.

Nel ripieno non possono mancare le spezie profumate, i pinoli o l’uvetta. Avete già fame?

Ma non è tutto, perchè i nostri meze propongono anche una varietà di verdure marinate o cotte all’olio d’oliva. Una specialità è l’Imam bayıldı, composta da mezza melanzana ripiena di cipolla, pomodoro e spezie. Viene servito freddo. Per vostra informazione, Imam bayıldı significa l’Imam è svenuto…chissà quanto il piatto sarà piaciuto a quell’Imam….

Nella cucina turca non potevano mancare i piatti a base di patate, il Kumpir, per esempio, è una grossa patata cotta al forno, che viene successivamente farcita con burro, formaggi e verdure, un momento di golosità unico per il palato.

Clicca qui per scoprire il nuovo Shop del Salotto Turco

Piatto principale…anche se siete già sicuramente sazi

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta della cucina turca. In Turchia il piatto principale è solitamente a base di carne, ma si mangia anche molto balık (pesce). La carne kebap è la più nota ed apprezzata. Per kebap s’intende la carne grigliata, le più cucinate sono quelle di vitello e di montone.

Esistono tante ricette e tanti modi di cucinarla, come per esempio lo şiş kebap (spiedini di carne), il più conosciuto döner kebap (la carne che vediamo girare nello spiedo), l’iskender kebap, la cui carne è simile a quella del döner kebab, ma il piatto si presenta con il pane pide, la salsa yogurt, la salsa al pomodoro e del burro sciolto sulla carne. Molto diffusa anche la güvenç (carne fatta in brodo con verdure, una sorta di spezzatino o stufato). Altro piatto molto apprezzato è il tavuk şiş, ossia degli spiedini di pollo aromatizzato.

I contorni nella cucina turca

Come contorno, viene spesso preparato il riso pilav (trovi qui la ricetta del pirinç pilavı https://www.ilsalottoturco.com/il-pirinc-pilavi-una-meraviglia-di-semplicita/) o il riso bulgur, ma anche patate fritte fatte a spicchi, oppure verdure fritte o grigliate. Insomma la cucina turca è talmente variegata e ricca che è davvero difficile non trovare qualcosa che non piaccia.

I miei piatti preferiti

Adesso tocca alle mie specialità preferite….sicuramente il pide!! Non il pane pide come la ricetta che troverete nel blog, ma il pide farcito con tritato, sucuk (salame di vitello) o formaggio. Questa pide, per capirci, ha una forma ovale allungata. Una meraviglia!!!

In Turchia le pide costano pochissimo e si vendono ovunque. Oltre alle pide, vi consiglio anche le lahmacun (simili alle pizze ma con una pasta sottilissima ricoperta di carne tritata, pomodoro e cipolla). Alla pari delle pide, le lahmacun costano poco e si vendono dappertutto.

Non finisce qui, vi suggerisco anche i gözleme (simili alle crepes, ripiene di formaggio, spinaci, patate o carne tritata), i börek (sfoglie salate e ripiene di formaggio, spinaci o carne), i poğaça (simili ai calzoni siciliani farciti al formaggio o con qualsiasi altro ripieno).

Continua il viaggio alla scoperta della cucina turca con formaggi e frutta secca

In Turchia, i formaggi hanno un posto d’onore, poiché li usiamo in molte preparazioni e li mangiamo anche a colazione. Alcuni dei più famosi sono il beyaz peynir (simile al feta greco) e il kaşar peynir (ha una lontana somiglianza con il gouda), solo per citarne alcuni.

Nella vita quotidiana di ogni turco, la frutta secca ha un posto essenziale. E’ presente in molti momenti della giornata. In effetti la frutta secca accompagna le nostre pause tè, i nostri momenti relax, di chiacchierate con amici e parenti. Per esempio, mio papà ha per abitudine pomeridiana di sgranocchiare un misto di frutta secca preparato da lui stesso. Ed io stesso rifornisco la mia dispensa di varia frutta secca…tranne i leblebi (ceci tostati), che mi arrivano direttamente da Istanbul.

Anche in Italia si mangia la frutta secca, ma posso garantirvi che non è niente paragonato alla Turchia. In Turchia abbiamo dei piccoli commerci che vendono solo frutta secca, alcolici e dolciumi. Il kuruyemişçi è il paradiso della frutta secca.

Dolciumi e pasticceria

In Turchia c’è anche una grande tradizione di dolci. Vi dico subito che la pasticceria turca in generale, è davvero molto zuccherata. I dolciumi più conosciuti in assoluto sono i lokum, cubetti di pasta zuccherata aromatizzate alla rosa, alla menta, alla nocciola, al latte, al cocco. Immaginate di gustare un lokum sorseggiando un bicchiere di tè di fronte al Bosforo..

Esiste anche l’helva, uno stupendo miscuglio di burro, farina e zucchero. Mia mamma lo preparava molto frequentemente, e lo omaggiava in gran parte agli amici, vicini e parenti, in occasione di festività religiose. L’helva industriale, che è pure molto buono, si trova in tutti commerci turchi.

Tra i dessert turchi consiglio anche il famoso Sütlaç (riso al latte, che troviamo anche in Italia) e il tavuk göğüsü, un dolce con un impasto simile ad un budino ma un po’ più sodo.

Ed infine ma non per ordine di importanza, il Baklava.

Come parlare di mangiare senza bere?

Terminiamo il nostro viaggio alla scoperta della cucina turca parlando delle bibite più diffuse nel mio paese. Il tè e il caffè sono stati argomenti da me affrontati varie volte negli articoli precedenti, vi ho fatto scoprire il “cerimoniale” e la tradizione che ci sono intorno ed essi.

Adesso vi parlerò del rinfrescante ayran (vedi ricetta https://www.ilsalottoturco.com/bibita-rinfrescante-a-base-di-yogurt-latte-no-ayran/), che è una delle bevande preferite dai turchi, soprattutto d’estate. Ma è anche l’ideale per accompagnare un lahmacun o un pide al formaggio…che sogno!

Per quanto riguarda gli alcolici, si consumano birra, possibilmente turca come l’Efes PIlsen! Il rakı, bevanda nazionale turca (simile all’ouzo greco), molto alcolica, non mancherà mai sul tavolo dei padroni di casa, così come il vino “şarap”.

E molto diffusa l’abitudine di bere un sorso di rakı puro e subito dopo un sorso di acqua. Ma molti mescolano rakı e acqua prima di consumarlo (diventa una bibita biancastra al sapore di anice).

Spero che quest’articolo sulla cucina turca vi abbia incuriosito e vi abbia dato voglia di provare alcune ricette. La Turchia, con la sua ricca ed antica tradizione culinaria, offre sempre qualcosa di nuovo da scoprire.

Clicca qui https://www.ilsalottoturco.com/category/ricette-di-cucina-turca/ per seguire tutte le ricette di cucina turca del mio blog.

Güle güle

Ümeyhan

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *