10 cose sui Turchi e sulla Turchia che non ti aspettavi

Le 10 cose sui Turchi e sulla Turchia che non ti aspettavi. Con quest’articolo vorrei parlarvi di alcuni luoghi comuni che spesso si raccontano sui Turchi e sulla Turchia, si tratta semplicemente di stereotipi sbagliati o semplicemente di dubbi che si hanno se non si è mai visitato il paese. Ho fatto una raccolta delle domande che mi vengono poste regolarmente e di seguito troverete le risposte alle vostre curiosità.

1. La Turchia fa parte dell’Europa?

Politicamente e malgrado i numerosi accordi tra la Turchia e l’Europa, la Turchia non fa parte dell’Unione Europea, ma geograficamente una minima parte del paese fa parte del continente Europeo. Infatti Istanbul è divisa in due, una parte occidentale che si trova in Europa e una parte orientale che si trova in Asia. Attraversare la città da una parte all’altra richiede tempo e tanta pazienza poiché la città è davvero molto estesa.

2. La capitale della Turchia, Istanbul o Ankara?

Non è Istanbul ma Ankara. Istanbul è stata capitale per secoli, ma con l’avvento della Repubblica laica della Turchia di Atatürk, la capitale politica si è spostata ad Ankara. Per il fondatore della Turchia moderna, fu un modo per tagliare corto con il passato ottomano di cui Istanbul fu la capitale e far entrare la Turchia in un’era moderna e occidentale. Ma Istanbul rimane comunque la capitale economica, turistica e culturale del paese.

3. Tra Italia e Turchia c’è un fuso orario?

Certo, a secondo del meridiano e del periodo dell’anno, c’è un fuso orario diverso. In Turchia l’ora è 2 ore avanti rispetto all’Italia nei mesi invernali e 1 ora avanti nei mesi estivi, poiché la Turchia non segue più l’impostazione dell’ora legale come in altri paesi.

4. In Turchia esiste solo il bagno alla turca?

Ovviamente no. Sono diventati ormai famosi i bagni alla turca, che sono spesso gli unici disponibili nelle zone più remote del paese. Ma in generale, le case turche sono tutte provviste di entrambi i bagni, cioè, quello detto “alla turca” e quello detto “all’europeo”, per intenderci il classico bagno presente in tutte le case Italiane.

Devo però precisare che in Turchia, anche il bagno detto “europeo”, ha spesso una piccola variante, un tubicino integrato nel water che funge da bidet. Una volta usato il bagno, troverete un rubinetto vicino che vi permetterà di mettere in funzione questo bidet “integrato”.

Quando lasciai la mia bella Normandia per andare a lavorare a Parigi, affittai un monolocale di 15 metri quadri dove avevo bagno, cucina e un letto. Mi ritenni fortunata dopo aver fatto visita ad un amica che viveva in un posto simile ma con bagno e doccia in comune per 4 o più appartamenti, per di più con bagno alla turca!

5. I Turchi parlano l’arabo?

Ovviamente no. I Turchi parlano il turco. Un paio di anni fa, mentre parlavo con un’amica italiana, incontrai una mia amica marocchina. Mentre facevo le presentazioni, l’amica italiana, divertita, disse “parlate la vostra lingua cosi vi ascolto”. Inutile dirvi cosa le ho risposto, non è l’obiettivo del mio articolo. Ma mi si chiede sempre se in Turchia si parla arabo. Essendo popoli diversi le lingue sono pure diverse.

Sicuramente nel profondo sud della Turchia, ai confini con la Siria e l’Iraq, si parlerà arabo come ai confini del nord Italia si parlerà tedesco, o come nel sud est della Francia si parlerà italiano. Si tratta quindi di particolarità geografiche.

6. Le donne turche portano il velo?

La risposta è no. Coloro che seguono le serie televisive turche vedono donne occidentalizzate ultra moderne che danno un’immagine romanzata della Turchia, che ovviamente non è tutta cosi. La donna in Turchia ,è vero che gode di grande libertà, ma la Turchia rimane pur sempre un paese musulmano, quindi si trovano chiaramente molte donne velate, ma si trovano anche moltissime donne vestite in modo occidentale.

Al contrario di molti paesi di confessione musulmana, la Turchia è un paese laico, dove la donna veste come vuole. La nostra specificità è quella di adeguarci al contesto o all’occasione. Non ci vestiremmo in minigonna in presenza di persone o parenti anziani, o per girare nei quartieri più conservatori delle grandi città.

Prima di passare agli ultimi 4 punti dell’articolo ti invito ad iscriverti alla Newsletter del Salotto Turco per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mio Blog

7. In Turchia si mangia carne di maiale?

La Turchia è un paese musulmano quindi ovviamente non si mangia carne di maiale, ma si trova. Le numerose comunità straniere che vivono ad Istanbul hanno la possibilità di trovare carne di maiale nei quartieri più cosmopoliti della città. Questo vale per le grandi città, poiché nelle zone remote è quasi impossibile trovarne.

8. e 9. Turchi gelosi e grandi fumatori? Dove nasce il detto “Fumare come un turco”

In Francia girava sempre questa voce che l’uomo turco fosse molto geloso, mi faceva sorridere. In Italia invece, gira quella del turco grande fumatore, non a caso infatti è molto comune il detto “fumare come un turco”.

Sono ovviamente dei cliché ai quali non si può rispondere dando un fondamento scientifico. La gelosia è un fattore caratteriale, non culturale.

Per quanto riguarda il fumo bisogna precisare che la Turchia fa parte dei 10 paesi con più fumatori al mondo, ed è tra i principali produttori ed esportatori di tabacco nel mondo. Ma da dove viene l’espressione “fumare come un turco? “.

Tra le numerose origini, la più probabile è quella che risale al XVI secolo durante il regno di un Pascià particolarmente rigido in merito al consumo di caffè e tabacco. Si narra che avesse istituito una vera e propria caccia ai fumatori e agli amanti del caffè! Non appena mori il Pascià tirannico, i turchi s’affrettarono a riprendere il loro consumo di tabacco e caffè, ma in modo eccessivo visto il lungo periodo di divieto…da qui nasce probabilmente l’espressione “fumare come un turco”.

10. Tutti i Turchi come nelle Serie TV?

Nell’immaginario collettivo il turco è spesso di statura piccola, di carnagione scura e perché no, anche peloso! Niente di più sbagliato! I turchi sono un popolo veramente misto, questo è dovuto alle tante invasioni del passato e all’estensione dell’Impero Ottomano su gran parte dell’Europa Balcanica, Nord Africa e Medio Oriente. Non voglio fare una lezione di storia poiché ormai ci sono le famose serie televisive che vengono in mio aiuto, quando vediamo i famosi volti degli affascinanti attori Kerem Bursin, Melisa Dongel o Kivanç Tatlitug, dobbiamo riconoscere che in effetti lo stereotipo dei turchi è del tutto errato.

Il fenomeno delle serie TV turche in Italia

Io stessa per esempio pensavo che il siciliano, da buon mediterraneo, fosse scuro! Grande è stata la mia sorpresa nell’incontrare numerosi siciliani rossi o biondi.

Scoprire un popolo, la sua cultura e la sua tradizione, significa anche mettere da parte tutti i pregiudizi e i cliché. Aprire la mente e il cuore a ciò che è diverso da noi ci aiuta a crescere. I luoghi comuni dell’immaginario collettivo spesso risultano non essere veri o reali. Per conoscere meglio un paese e il suo popolo è fondamentale superare gli stereotipi. Un paese è fatto di persone, di storia e di cultura.

Ümeyhan

Blog: https://www.ilsalottoturco.com/

Shop: https://www.ilsalottoturco.com/negozio/

Instagram: https://www.instagram.com/

YouTube: https://www.youtube.com/c/Ilsalottoturco

Pinterest: https://www.pinterest.it/ilsalottoturco

2 Comments

  1. Antonella Faraci said:

    Eccellenti informazioni. Grazie ! Mi piace la Turchia e sono d’accordo per quanto riguarda l’uso e i costumi dei turchi ,anche in Italia da nord a sud ed isole esistono le differenze. Non mi stupiscono le divergenze nemmeno sulla cultura o religione o lingua o modo di vestire, anche qui si osservano le stesse cose. Non sono razzista ! Mi piacciono tutte le etnie e accetto la diversità ! Mi piacerebbe un giorno visitare Istanbul .

    26 Settembre 2021
    Reply
  2. Sonia Scrimieri said:

    Sono affascinata dalla Turchia da quando ero piccola. Trovo sia una terra piena di mistero, di storia e tradizioni.
    Mi conquistano le sue tradizioni e il suono della lingua turca.
    Istanbul, i quartieri popolari, i grandi contrasti tra citta’ e paesini, il Bosforo con i suoi angoli incantati…Insomma spero di poterla sfiorare presto. L’unico neo che mi tocca il cuore sono i tanti animali abbandonati. Ho notato con gioia che nelle soap cercano di sensibilizzare questo e altri argomenti delicati. Grazie di cuore per tutto. Sei davvero preparata e spieghi tutto con grande chiarezza.

    29 Settembre 2021
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.