Il mito dell’Orient Express, vi racconto una storia affascinante

L’Orient Express è sempre stato il simbolo del collegamento tra Europa ed Asia. Non si trattava di un semplice treno. L’Orient Express mi ha sempre fatto sognare, per i suoi viaggiatori aristocratici ed elegantissimi, provenienti da ogni parte d’Europa. Il treno era arredato in modo sontuoso e raffinato, degno dei più grandi alberghi di lusso. Ma soprattutto sfrecciava a tutta velocità attraversando tutta l’Europa, fino ad Istanbul.

Ho scoperto i romanzi di Agatha Christie quando ero ancora una bambina. Libri o film, ero, e lo sono tuttora, appassionata di questa grande scrittrice inglese, che ha saputo descrivere quel misterioso Medio Oriente, in modo così talentuoso.

Assassinio sull’Orient Express

Crescevo nella fredda e piovosa Normandia, aspettando con frenesia la vacanze in Turchia, dove lasciavo ogni anno una parte del mio essere. Vedevo la Turchia come il paese dove tutto è iniziato, come la terra abbandonata con dolore e malinconia dalla mia famiglia, mio padre e altri due dei miei zii, si diressero verso la Francia, altri parenti verso la Germania, altri verso la Svizzera, l’Austria o i Paesi Bassi. Ci si lasciava alle spalle questo paese che a quei tempi, non offriva molto.

Tanto fu il mio stupore, quel banalissimo e piovoso sabato pomeriggio, primo sabato in cui avevo avuto il permesso di andare a passeggiare in centro città a Le Havre, quando vidi un negozio, in francese “le bouquiniste“, che vendeva libri di tutti i generi ma sopratutto usati. L’odore dei vecchi manoscritti mi rimarrà per sempre impresso nella mente, odore che travasava di storia, di passato, di lettori.

Il mio sguardo si posò su un libro, Assassinio sull’Orient Express. Certo, conoscevo la scrittrice poiché leggevo moltissimo all’epoca, come se fosse il mio rifugio, e Agatha Christie, il tempo di un libro, mi trasportava lontano. Ma il titolo m’intrigò: l’Orient Express! Che sarà mai quest’Oriente, cosa ci sarebbe mai da scrivere sull’OrienteOriente che hanno lasciato tutti i membri della mia famiglia per venire in Occidente. Dovevo scoprirlo…

Nonostante parliamo di un’epoca oramai remota, Agatha Christie ha saputo descrivere e raccontare, la gloria dei paesi della Mesopotamia, o quella che viene chiamata più comunemente, la culla della civiltà. E io venivo da lì. All’improvviso, da ragazzina che ero, bloccata tra due culture e due paesi cosi diversi, mi sentii orgogliosa e fiera. Appartenevo a qualcosa di grande.

Sullo sfondo di scavi archeologici o del Nilo, Agatha Christie sapeva rendere intriganti anche i crimini più efferati. Il racconto che più mi ha affascinato, è stato proprio “Assassinio sull’Orient Express“.

Che vi consiglio di leggere se siete appassionati di gialli: Assassinio sull’Orient Express. Oscar Junior

Il progetto iniziale dell’Orient Express

Certo, il progetto che nel XVIII secolo, prevedeva un viaggio da Londra fino a New Delhi, fu tristemente interrotto dalla drammatica prima guerra mondiale. Di conseguenza, il tratto che venne messo in funzione, fu quello da Londra a Istanbul.

Il progetto iniziale era pensato per passare da Istanbul, per tutto l’Impero Ottomano, per poi proseguire dall’Iran, fino ad arrivare in India. Un progetto faraonico, che ricorda quanto l’Europa aveva bisogno di collegarsi all’Asia e di conseguenza, quanto la porta dell’Oriente, sia stata da sempre un passaggio fondamentale nei collegamenti intercontinentali.

Istanbul offriva due stazioni ferroviari, Sirkeci (sulla moderna riva occidentale) e Üsküdar (sulla riva orientale). Sirkeci fu la tappa finale del viaggio di questo storico treno.

Il quartiere di Üsküdar

Üsküdar, anticamente chiamato Scutari, è il distretto famoso per la sua magica torre di Leandro o Kiz Kulesi, come viene chiamata in Turchia. Üsküdar è un distretto davvero unico e atipico, che rappresenta il mix culturale e la storia della città. E’ un distretto autentico, anche se poco visitato rispetto ai quartieri della riva occidentale, ma offre un’autentica identità di Istanbul, simbolo di un miscuglio storico e socio-culturale.

Il quartiere di Sirkeci

Il quartiere di Sirkeci, sulla riva occidentale, si trova ad Eminönü, nel distretto di Fatih. Sirkeci era il punto di arrivo dell’Orient Express. Questo quartiere è uno dei luoghi dove non manco mai di passare. Molti membri della mia famiglia ci lavorano da generazioni.

In effetti Sirkeci, è il quartiere storico degli affari, per la sua strategica posizione nella città vecchia. Sicuramente, essere la stazione terminale dell’Orient Express, ha incremento il suo prestigio e il suo mistero. Il quartiere è poco abitato, da come lo ricordo, perché ci sono commercianti e laboratori ovunque. E’ un luogo pieno di rumori, brulicante di negozianti alle prese con i propri clienti per concludere affari, pieno di furgoni che caricano e scaricano merce a tutte le ore. Sirkeci rappresenta, insieme ad altri quartieri, l’anima commerciante del paese.

Direi quasi che ogni distretto possiede la propria identità e che ognuna di esse rappresenta un aspetto della città. Tutti i distretti, con le loro particolarità, simboleggiano l’unicità della Grande Istanbul.

Segui anche tu il Gruppo Io Amo la Turchia https://www.facebook.com/groups/282050396466401

Un Treno leggendario

L’Orient Express è diventato il treno leggendario della storia ferroviaria. Non è mai stato dimenticato, malgrado le diverse interruzioni del servizio. Rimane simbolo di eleganza, lusso e raffinatezza. Il treno si era fermato negli anni ’70, finché un’altra compagnia riprese il concetto, lanciando un treno di lusso ad immagine dell’Orient Express. Quindi chiaramente, quello attuale non è il vero Orient Express, pur avendo simili servizi e decorazioni.

La famosa scrittrice inglese, con il suo romanzo, ha attivamente partecipato a creare il mito dell’Orient Express dove s’intrecciano menti complesse e malinconiche, ma dove la mente fine ed acuta del brillante investigatore privato Hercule Poirot saprà sciogliere i nodi di uno dei suoi casi più provanti emotivamente.

Oggigiorno due aziende francesi stanno lavorando per far rinascere l’Orient Express entro pochi anni. L’obiettivo è quello di rinnovare il treno originale in tutto e per tutto, compreso le tappe. Sarà un viaggio da sogno che permetterà di attraversare grandi Capitali Europee per arrivare fino ad Istanbul.

Scopri tanti altri articoli e racconti sul mio Blog https://www.ilsalottoturco.com/ e visita il nuovo shop del Salotto Turco https://www.ilsalottoturco.com/negozio/

Güle güle

Ümeyhan

Iscriviti alla Newsletter del Salotto Turco:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.